Braggio

Turismo Print

Turismo Braggio
La Val Calanca è il regno incontrastato del fiume Calancasca che nasce a 2400 sopra l’Alp di Stabbio e scorre quasi direttamente attraverso il fondovalle gettandosi poi nella Moesa a Grono dopo 2100 m di dislivello. Le sue acque spumeggianti e le numerose cascate formate dai piccoli affluenti conferiscono alla Calanca un fascino tutto particolare.
Braggio, che sorge a 1313 m, è il comune più in alto della Val Calanca ed è pure il villaggio più soleggiato, posto su un terrazzo – ereditato dall’epoca dell’ultima glaciazione – in lieve salita, a cinquecento metri sopra il fondovalle. Da Arvigo un sentiero in ottime condizioni sale al villaggio, formando numerosi tornanti; la funivia è un mezzo più comodo per superare il ripido pendio con le sue rocce a strapiombo. Il villaggio si compone di più frazioni. Su un prato, al disotto del villaggio, sorge la chiesa di San Bartolomeo che è stata rinnovata con buon gusto.

 


Clima e collegamenti stradali

Il clima che caratterizza la Val Calanca è mite. Il vento non soffia sufficientemente forte da disturbare il turista, ma abbastanza per allontanare la nebbia e le nuvole. Queste correnti garantiscono un periodo di insolazione sopra la media. L’inverno, piccole e sporadiche nevicate interessano le zone situate a bassa altitudine, mentre la neve cade abbondante lungo la cresta delle Alpi. Ma il fondovalle resta perlopiù libero dalla neve grazie alla temperatura mite e all’azione del sole.

I collegamenti stradali sono ottimi. In 90 minuiti si raggiunge la Calanca da Milano, Coira e Lucerna grazie all’autostrada N13 che propone un’uscita all’imbocco della valle. Da qui si prosegue salendo la valle con la strada cantonale recentemente ammodernata.
Per chi si reca in Calanca con i trasporti pubblici, un servizio postale efficiente copre tutta la Val Calanca partendo dalla stazione FFS di Bellinzona.
L’accesso a Braggio è invece assicurato da una teleferica completamente automatizzata che parte da Arvigo, nel fondovalle, 24 ore su 24. Il personale della teleferica è presente ai seguenti orari:

lunedì-venerdì
07.30-10.00 e 16.00-18.00
Sabato
09.00-10.00 e 17.00-18.00
Domenica e festivi
09.00-10.00 e 16.00-17.00

Prezzi dei biglietti:
Adulti corsa singola fr. 4.-
Adulti andata e ritorno fr. 8.-
Bambini corsa singola fr. 2.-
Bambini andata e ritorno fr. 4.-

Informazioni teleferica:
+41 91 828 10 60


Monumenti culturali da vedere
  • Chiesa di San Bartolomeo menzionata nel 1611
  • Cappella della Madonna Addolorata eretta nel 1822
  • Cappella della Madonna di Camarcün, sul sentiero Braggio-Sta. Maria

Escursioni
  • Braggio-Pian di Renten-Sta. Maria
    Pascoli alpini con i loro massi scolpiti: testimonianze preistoriche o passatempo “moderno”?
     
  • Braggio-Bolada-Sta. Maria
    Una via storica per quelli dell’antica Braggio verso il resto del mondo: strada di pellegrinaggio verso Sta. Maria, antico capoluogo di culto della Calanca

     
  • Sentiero alpino: Strada alta
    Una fra le più spettacolari e belle strade alte della Svizzera: tre giorni a piedi dal Passo del San Bernardino a Sta. Maria in Calanca

Vario

Altro
  • Selma, Braggio e Rossa dispongono di quattro sciovie per la pratica dello sci e di altri sport invernali Augio dispone di una pista di sci di fondo lunga 7 km
  • Centro Ricreativo e Culturale la Cascata in Augio: musica popolare e classica, teatro, mostre, conferenze di vario interesse e animazioni
  • Pesca sportiva in Augio
  • Diversi stand di tiro nei vari comuni della valle
  • Pista rampichini: in progetto la messa a punto di un percorso ciclabile tra Selma e Valbella
  • Parc Adula: in progetto un nuovo parco nazionale, il secondo in Svizzera, che comprende pure il settore montagnoso sito in fondo alla Val Calanca
Pernottamento
  • Casa della Gioventù con 30 posti-letto
  • Capanna Buffalora ASAC
  • Capanna Alp di Fora ASAC
  • Diversi alloggi turistici per famiglie e gruppi (info: 091 828 13 34)
Ristorazione, Bar
  • 1 ristorante
Da consultare
  • Russomanno, G., Ceruti, A. (1996) Guida turistica - Valle Mesolcina e Valle Calanca, CartoleriaRussomanno, Grono
  • Fantacci, S., Hintermeister, U. (2002) Val Calanca - 21 Wanderungen in einem ersprünglichen Südalpental, Rotpunktverlag, Zürich
  • AA.VV. (1983) Val calanca, in: Svizzera, Ed: Ufficio nazionale svizzero del turismo, n. 6
  • Ente turistico del Moesano, Pro San Bernardino (1983) Carta escursionistica Mesolcina e Calanca, 1:50000, (nuova edizione in preparazione)